Bando Sisma 2019

/, News/Bando Sisma 2019

Bando Sisma 2019

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene la ripresa del tessuto produttivo dell’area colpita dagli eventi sismici dell’agosto e dell’ottobre2016 e del gennaio 2017.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese in forma singola, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di partita IVA, in possesso dei seguenti requisiti:

  • localizzazione nella Provincia di Rieti ovvero sede legale e/o unità produttiva in uno dei seguenti Comuni: Accumoli (RI); Amatrice (RI); Antrodoco (RI); Borbona (RI); Borgo Velino (RI); Cantalice (RI); Castel Sant’Angelo (RI); Cittaducale (RI); Cittareale (RI); Leonessa (RI); Micigliano (RI); Poggio Bustone (RI) Posta (RI); Rieti; Rivodutri (RI);
  • per le imprese iscritte al Registro delle Imprese, presenza di una o più unità produttive;
  • per le imprese non iscritte al Registro delle Imprese, luogo d’esercizio dell’attività di impresa, come riscontrabile dal certificato di attribuzione della Partita IVA;
  • imprese iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane, tutti i settori (fatta eccezione per quelli dell’agricoltura primaria, della pesca e dell’acquacoltura);
  • imprese non iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane, specifici settori elencati in calce al presente paragrafo;
  • riduzione del fatturato non inferiore al 30%.

Settori di attività economica per le imprese artigiane non iscritte all’Albo secondo la classificazione ATECO 2007:

  • G 45 – Commercio all’ingrosso e al dettaglio: riparazione di autoveicoli e motocicli
  • G 46 – Commercio all’ingrosso (escluso quello di autoveicoli e motocicli)
  • G 47 – Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e di motocicli)
  • I 55.1 – Alberghi e strutture simili
  • I 55.2 – Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni
  • I 55.3 – Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte
  • I 55.9 – Altri alloggi
  • I 56.1 – Ristoranti e attività di ristorazione mobile
  • I 56.2 – Fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione
  • I 56.3 – Bar e altri esercizi simili senza cucina
  • N 79.11.0 – Attività delle agenzie di viaggio
  • N 79.12.00 – Attività dei tour operator
  • N 79.90.11 – Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento
  • N 79.90.19 – Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio n.c.a.
  • N 79.90.20 – Attività delle guide e degli accompagnatori turistici
  • N 82.30.00 – Organizzazione di convegni e fiere
  • R 90.04.0 – Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche
  • R 91.03.00 – Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili
  • R 91.04.00 – Attività degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali
  • R 93.11.10 – Gestione di stadi
  • R 93.11.20 – Gestione di piscine
  • R 93.11.30 – Gestione di impianti sportivi polivalenti
  • R 93.11.90 – Gestione di altri impianti sportivi n.c.a.
  • R 93.13.00 – Gestione di palestre
  • R 93.19.10 – Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi
  • R 93.19.91 – Ricarica di bombole per attività subacquee
  • R 93.19.92 – Attività delle guide alpine
  • R 93.19.99 – Altre attività sportive n.c.a.
  • R 93.21.00 – Parchi di divertimento e parchi tematici
  • R 93.29.10 – Discoteche, sale da ballo night-club e simili
  • R 93.29.20 – Gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali e fluviali
  • R 93.29.30 – Sale giochi e biliardi
  • R 93.29.90 – Altre attività di intrattenimento e di divertimento n.c.a.
  • S 96.01.10 – Attività delle lavanderie industriali
  • S 96.04.20 – Stabilimenti termali

INTERVENTI

Le imprese devono risultare già operanti alla data del 24/02/2016 e devono aver subito un danno economico a causa degli eventi sismici dell’ottobre 2016 e del gennaio 2017.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili i costi della produzione sostenuti dalle imprese in due esercizi consecutivi tra il 2017 e il 2020, entro il limite massimo della riduzione del fatturato (non inferiore al 30%).

Per costi della produzione si intendono:

  • per le imprese tenute alla pubblicità del bilancio, i costi sostenuti dalla stessa nell’esercizio di riferimento quantificati come totale dei costi della produzione, al netto delle voci
    “ammortamenti e svalutazioni”, “accantonamento per rischi” e “altri accantonamenti”;
  • per le imprese che presentano un bilancio in forma abbreviata i costi sostenuti dalla stessa nell’esercizio di riferimento quantificati come totale dei costi della produzione, al netto delle voci “ammortamenti e svalutazioni”, “accantonamento per rischi” e “altri accantonamenti”;
  • per i bilanci delle micro imprese, i costi sostenuti dalla stessa nell’esercizio di riferimento quantificati come totale dei costi della produzione al netto delle voci “ammortamenti e svalutazioni”, “accantonamento per rischi”e “altri accantonamenti”;
  • per le imprese non tenute alla pubblicità del bilancio di esercizio nonché per quelle che operano in regime forfettario e per le imprese beneficiarie esercenti attività agrituristica che hanno optato per il regime appositamente per loro disciplinato, gli equivalenti costi si desumono dalla dichiarazione dei redditi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 100%dei costi ammissibili sostenuti dall’impresa in due esercizi consecutivi tra il 2017 e il 2020.

In alternativa, solo per le PMI operanti nell’Area del Cratere Sismico che hanno sospeso l’attività il contributo può essere concesso ai sensi del Regolamento GBER.

In tal caso il contributo non può superare la perdita di reddito dovuta alla sospensione dell’attività per i sei mesi successivi all’evento sismico, rispetto alla media dei cinque anni precedenti, escludendo il migliore e il peggiore risultato finanziario, valutata da un esperto indipendente, tramite perizia giurata e asseverata o da un’impresa di assicurazioni. Anche in tal caso il contributo non può superare il 100% dei costi ammissibili.

Il contributo massimo erogabile è pari ad € 50.000,00, ovvero € 75.000,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

Le agevolazioni sono cumulabili con qualsiasi altro aiuto pubblico concesso per i medesimi costi della produzione, nei limiti dei costi della produzione stessi, fermo restando quanto disposto in caso di divieto di “sovracompensazione” del danno subito e in quanto misura alternativa ad ogni altra possibile misura finalizzata al ristoro dei danni subiti in conseguenza degli eventi sismici.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 18:00 del 28/11/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

2019-10-22T08:37:50+00:00 22 ottobre 2019|Categories: Bandi e Agevolazioni, News|

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per attivare tutte le funzionalità del sito. Cliccando su "Accetto" aderisci alla la nostra politica sui cookie.

Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Abilita o disabilita i cookie del sito dal pannello sottostante. Alcuni cookie non possono essere disabilitati perché necessari al funzionamento del sito stesso.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per il corretto funzionamento del sito è necessario salvare questi cookie sul browser.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • SERVERID31394
  • fusionredux_current_tab
  • redux_current_tab

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi