SANGALLI/CONFCOMMERCIO SU CHIUSURA NEGOZI:  MASSIMA RESPONSABILITA’ PER
SALUTE PUBBLICA

“Tutto il commercio italiano farà la sua parte. La farà chi chiuderà. La farà chi continuerà ad
assicurare la distribuzione dei prodotti alimentari e dei beni di prima necessità. Perché le donne
e gli uomini che, ogni giorno, operano in ogni punto  vendita – piccolo, medio o grande che sia –
in ogni bar, in ogni ristorante sono anzitutto parte della ‘comunità degli individui’ richiamata dal
Presidente Conte. Con responsabilità, faremo  la nostra parte. Con responsabilità e con forza,
alle istituzioni chiediamo questo:  chi chiude sia messo in condizione di non chiudere per
sempre e di riprendere quanto prima la propria attività.  Serviranno misure robuste e risorse
robuste: per far fronte ai danni economici, per sostenere la liquidità delle imprese ed il reddito di
chi lavora. Ma tutto ciò che sarà necessario andrà comunque fatto. Perché è in gioco il futuro di
molta parte delle imprese italiane e di molta parte del lavoro italiano.” Così il presidente di
Confcommercio, Carlo Sangalli, sulle nuove misure del Governo per contenere il Coronavirus.